Formazione Istituti superiori e Università News

Moocs – I corsi universitari e formativi che si frequentano da casa

Si tratta di una delle ultime tendenze formative del momento e stiamo parlando dei Moocs, acronimo di Massive Online Open Courses, corsi di formazione di alto livello che si pongono l’obiettivo di ampliare le competenze dei partecipanti in maniera assolutamente digitale. Difatti, tutte le lezioni sono frequentabili online, direttamente da casa, utilizzando un computer, tablet o smartphone.

Da tempo è possibile accedere e iscriversi a corsi di formazione sul web, ma solo negli ultimi anni la “pratica” si è allargata a macchia d’olio anche ai corsi delle migliori università di tutto il mondo. Alcuni percorsi non sono “riconosciuti” in tutti i Paesi, ma in generale le imprese sono sempre più interessate nel ricercare giovani talenti che abbiano anche solo frequentato integralmente alcuni di questi insegnamenti. Importante, ma non indispensabile, la conoscenza della lingua inglese: la maggior parte delle lezioni online infatti si svolge in inglese, ma i video sono spesso sottotitolati in numerose lingue straniere, fra cui chiaramente anche l’italiano.

Se gli Stati Uniti sono stati pionieri del fenomeno, l’Italia non si è fatta attendere, grazie a Milano e Roma. Nella prima città sono state Politecnico e Bocconi le capofila; mentre nella Capitale è stata la Sapienza ad aprire le porte ai Moocs. Inoltre, nel 2014 il Politecnico è stata una delle prime realtà universitarie italiane a diffondere sul web i propri saperi tramite Polimi Open Knowledge, una vera e propria piattaforma online che offre corsi online gratuiti e aperti a tutti e supporta gli studenti (non solo del Politecnico), nei passaggi cruciali del proprio percorso universitario e professionale: dalle scuole superiori all’università, dalla laurea triennale alla magistrale, dall’università al mondo del lavoro. Può accedere ai corsi anche chi non è uno studente universitario, ma un semplice appassionato ai temi: infatti è sufficiente iscriversi al portale gratuitamente per accedere a video, contenuti, attività varie e test di autovalutazione. Al termine di ogni corso disponibile, se si è raggiunto il punteggio minimo, si riceve poi un attestato di partecipazione.

Tutti e tre gli atenei nazionali (Politecnico, Bocconi e Sapienza) hanno poi recentemente aderito come partner a Coursera, uno dei principali network internazionali che propone Moocs agli utenti, a tema architettura, informatica, programmazione, astronomia, archeologia, storia, management e fisica sperimentale (cliccando qui è possibile selezionare l’università italiana di riferimento e poi consultare i corsi proposti). Oggi il portale statunitense riunisce 62 università e numerose multinazionali di tutto il mondo (fra cui i colossi Google e Amazon) e registra circa tre milioni di iscritti. L’offerta formativa della piattaforma è ampia e comprende corsi universitari di tantissime discipline. Non mancano poi master e corsi di specializzazione. I corsi sono gratuiti e a pagamento, ma la cosa forse più interessante per studenti e appassionati delle discipline di studio è la possibilità di attivare una richiesta di finanziamento verso terzi. Difatti, l’interessato al corso può richiedere a imprese, istituti di ricerca, privati e via discorrendo di finanziare la propria partecipazione a prestigiosi corsi di formazione a pagamento. Una sorta di utile sponsorizzazione personale, che a livello internazionale funziona piuttosto bene, dando così una possibilità formativa in più, a chi magari non può permettersi spese elevate per migliorare le proprie skills.

Fonte: ClicLavoro

Su l'autore

Alessandro