Lavoro Ricerca attività del lavoro

Come scrivere un buon curriculum

europass-logo

Il curriculum vitae è un documento attraverso il quale si può far conoscere alle aziende il proprio profilo professionale. Si tratta di un vero e proprio messaggio promozionale che ha lo scopo di mettere in evidenza le proprie qualità personali e professionali, così da suscitare l’interesse dei responsabili del personale delle aziende.
Non esiste un modello di curriculum che vada bene per tutte le occasioni: ciò che conta è la personalizzazione e la coerenza dei messaggi che vengono mandati all’interlocutore. Essi dovranno mettere in luce tutto il proprio bagaglio in termini di conoscenze, capacità, motivazioni, attitudini.

La comunicazione, per essere efficace, deve essere sintetica, precisa, capace di far risaltare le qualità possedute e di trasmettere la propria determinazione. Un buon curriculum non è dunque un curriculum “lungo”, ma un curriculum “pertinente”, in cui trovano spazio in maniera ragionata le informazioni principali sulla storia professionale del candidato.

La struttura di curriculum più diffusa, ma non l’unica, si articola nel seguente modo:

La struttura di curriculum più diffusa, ma non l’unica, si articola nel seguente modo:

  • dati anagrafici (cognome, nome, luogo e data di nascita, indirizzo completo di residenza e telefono);
  • formazione (il percorso di studi in ordine cronologico, partendo dal conseguimento dei titoli più recenti e indicando le date di conseguimento, le votazioni riportate, il nome delle scuole frequentate; per i laureati è opportuno indicare l’indirizzo di studi scelto e il titolo con l’argomento della tesi);
  • competenze linguistiche (specificando per ogni lingua il livello di conoscenza sia scritto che parlato: madrelingua, ottimo, buono, discreto, scolastico);
  • conoscenze informatiche;
  • esperienze lavorative, anche se saltuarie, effettuate, con l’indicazione di durata e mansioni svolte;
  • altre esperienze di lavoro non remunerato (volontariato, associazionismo ecc.);
  • hobby, interessi e caratteristiche personali (indica tutte le attività che rientrano nella sfera del tempo libero e che si ritengono utili rispetto alla valutazione delle proprie qualità personali, ad esempio essere membro di un’associazione in una posizione di responsabilità);
  • aspirazioni professionali (è consigliabile inserire tale sezione solo se si ha chiarezza sui settori e sulle aree di interesse in ambito lavorativo);
  • disponibilità (a rapporti di lavoro a tempo determinato, al part-time, a collaborazioni professionali, a trasferimenti e spostamenti della sede di lavoro, alla formazione ecc.).

Il curriculum deve essere datato e firmato e va spedito accompagnato da una lettera di presentazione.

È importante ricordare di inserire nel curriculum l’autorizzazione al trattamento dei dati personali, in linea con quanto contenuto nel Codice in materia di protezione dei dati personali; a tal fine è sufficiente scrivere in calce al cv la dicitura “Autorizzo il trattamento dei miei dati personali ai sensi del D. Lgs. 196/2003” e sottoscriverla.

L’Unione Europea, allo scopo di permettere ad ogni cittadino europeo di riconoscere e valorizzare le proprie competenze per proporsi o riproporsi sul mercato del lavoro e della formazione con un curriculum più trasparente e spendibile e per facilitare la mobilità dei lavoratori in tutto il territorio dell’Unione Europea, ha messo a punto un modello standard di curriculum, il cosiddetto Curriculum Vitae Europeo, ora sostituito dal più aggiornato Europass Curriculum Vitae.

Si consiglia di redigere il curriculum utilizzando il modello scaricabile sul sito Europass, www.europass.cedefop.europa.eu/it/.

Un modello ed un esempio di Europass li puoi trovare qui di seguito:

Modello Europass

Esempio di Europass

Fonte: Regione del Veneto – Veneto Lavoro

Su l'autore

ufficioprogetti

Lascia un commento