Concorsi pubblici Lavoro News

Concorso per 27 Operatori Giudiziari in Veneto

Il Ministero della Giustizia seleziona 27 Operatori Giudiziari in Veneto

Pubblicato l’Avviso di selezione per l’assunzione di 27 Operatori giudiziari in Veneto presso diverse sedi: 13 a Venezia, 1 a Belluno, 6 a Padova, 1 a Treviso, 3 a Verona, 3 a Vicenza.

Ma chi è l’operatore giudiziario?

Nell’organigramma dell’amministrazione giudiziaria, l’operatore si colloca nel secondo livello (su quattro). Ha il compito di collaborare con gli altri professionisti nell’organizzazione e nello svolgimento dell’attività giudiziaria dei tribunali italiani, delle corti di appello e altri uffici amministrativi del Ministero della Giustizia.

Alcune mansioni possibili: attività di sorveglianza degli ingressi e regolazione dei flussi del pubblico; reperire, riordinare, reperire e catalogare i fascicoli giudiziari; attività d’ufficio; custodia e vigilanza di oggetti; attività di segreteria.

Quali sono i requisiti per accedere al bando?

Qui sotto un breve riassunto (per informazioni più dettagliate si prega di consultare il bando):

  • cittadinanza italiana ovvero cittadinanza di altro stato membro dell’UE. Sono ammessi altresì i familiari di cittadini italiani o di un altro stato membro dell’Unione europea, che non abbiano la cittadinanza di uno stato membro ma che siano titolari del diritto di soggiorno o del diritto di soggiorno permanente, nonché i cittadini di paesi terzi titolari del permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo o titolari dello status di rifugiato ovvero dello status di protezione sussidiaria;
  • età non inferiore ai diciotto anni;
  • possesso del diploma di istruzione secondaria di primo grado (scuola media inferiore);
  • idoneità fisica allo svolgimento delle funzioni (per i soggetti con disabilità);
  • qualità morali e di condotta;
  • godimento dei diritti civili e politici;
  • non essere stati esclusi dall’elettorato attivo;
  • non essere stati destituiti o dispensati dall’impiego presso una pubblica amministrazione
  • Non aver riportato condanne penali per reati che comportano l’interdizione dai pubblici uffici;
  • Per gli iscritti di sesso maschile, nati entro il 31 dicembre 1985, posizione regolare nei riguardi degli obblighi di leva secondo la vigente normativa italiana;
  • Per gli iscritti che non siano cittadini italiani è richiesta altresì una adeguata conoscenza della lingua italiana.
Per maggiori informazioni clicca qui

Su l'autore

Lara Lupato